Gran Tour Portogallo e Santiago de Compostela

Viaggio D'autore

Fede e Cultura nel nostro viaggio di gruppo con accompagnatore alla scoperta del Portogallo e Santiago de Compostela con la  sua spettacolare Cattedrale. Si potranno visitare  Lisbona e Porto, così differenti tra loro, insieme ai numerosi borghi che rendono questo paese così affascinante: la piccola Obidos arroccata sulla cima di un colle, Alcobaça con il monastero dove è custodita la storia d’amore del Re Pedro I, il Santuario di Fatima, la città universitaria di Coimbra ed i villaggi a nord di Porto, tra cui Braga con il Santuario do Bom Jesus do Monte e la sua spettacolare scalinata, e Guimarães che fu la prima capitale portoghese nel secolo XII.  Un bellissimo viaggio in continuo movimento, tra villaggi, panorami diversi tra loro, città storiche, borghi e castelli, monasteri e chiese.

Programma di viaggio

19 APRILE  ITALIA - LISBONA
Accoglienza in aeroporto di Lisbona da una ns. guida parlante italiano, sistemazione in pullman GT riservato e trasferimento in città per un primo contatto con la capitale del Portogallo. Scoperta del centro storico « a Baixa », passando per la “Piazza Dom Pedro IV », meglio conosciuta come il Rossio, « Praça do Comercio » e Rua Augusta. Breve sosta per la visita all’interno della chiesa di Santo Antonio edificata, secondo la leggenda nel luogo esatto dove nacque il santo considerati da molti il patrono della città. Segue visita alla Sé, l’imponente Cattedrale di Lisbona, affettuosamente chiamata Sé, dall’abbreviazione di Sé Patriarcal (sede vescovile), o Igreja de Santa Maria Maior. Principale luogo di culto cattolico nella città di Lisbona, è una maestosa chiesa romanica-gotica risalente al XII secolo, costruita sulle rovine di un’antica moschea per volontà di Dom Alfonso Henriques, primo re del Portogallo, e diventata il simbolo della riconquista cristiana. Il progetto originale della chiesa seguiva lo stile romanico dell’epoca, ma la chiesa fu successivamente modificata con l’aggiunta di elementi gotici in seguito al terremoto del 1344 e di decorazioni barocche nel Seicento e Settecento e parzialmente ristrutturata dopo il terremoto del 1755: il risultato è la mirabile fusione di stili che possiamo ammirare ancor oggi. L’interno, semplice ed austero, è a tre navate con transetto romanico. Durante la visita potrete ammirare il settecentesco ostensorio di D.Joâo V, offerto dal re alla cattedrale, un eccezionale oggetto di arte orafa, realizzato con 17 kg d’oro e oltre quattromila pietre preziose. Altre opere degne di nota che è possibile ammirare all’interno della cattedrale sono: sarcofago di Bartolomeo Koanes, fondatore di un ospizio cittadino presepio di Machado de Castro, risalente al XVIII secolo tomba del re D.Alfonso IV e della regina Dona Brites. Visita al chiostro del Trecento, agli scavi archeologici con oggetti d’epoca fenicia, araba e romana ed il Tesoro della Cattedrale e sala capitolare, dove troverete esposti paramenti liturgici, reliquiari e oggetti di arte sacra tra cui il già citato ostensorio. Dopo la visita salita alle Porte del Sole per ammirare una vista splendida sul fiume Tago e alla città sottostante. Concluderemo la ns. visita di Lisbona percorrendo le vie tipiche di Alfama, con le sue viuzze strette e i suoi balconi di ferro forgiato. Traferimento in un hotel cena e pernottamento.

 20  APRILE CRISTO RE' - BELEM - SINTRA 
Prima colazione in hotel e  intera giornata di visite. Al mattino attraverseremo il ponte 25 aprile per una breve sosta al Santuario del Cristo Ré, ispirato al Cristo Redentore di Rio di Janeiro il monumento sovrasta la cittá di Lisbona ed è un otima base per una vista mozzafiatto sulla città, nonchè un importantissimo significato religioso per tutti i visitatori cattolici. Il Santuario del Cristo Re è più che un monumento è un complesso di edifici all’interno del quale il visitatore è invitato a il suo personale pellegrinaggio e a fermarsi in 14 stazioni della Croce prima di potere giungere a piede il Cristo Re. Lungo tutto il percorso è invitato a mantenere il silenzo. La zona antigua all’ascensore è di forma circolare per trasmettere l’dea di un movimento verso Dio, mentre la salita vuole simboleggiare la voccazione celeste.
Dopo questa breve sosta seguiremo per il quartiere di Belem, dedicato all’ Epoca delle Scoperte Marittime. La prima sosta, l’imponente Padrão dos Descobrimentos, nella zona costiera di Belém concepito nel 1940 in occasione dell’Esposizione del Mondo Portoghese, per celebrare il duplice centenario della fondazione e della restaurazione della nazione (1140-1640) ma edificato soltanto nel 1960 in occasione delle commemorazione dei 500 anni della morte dell’Infante D. Henrique , il Navigatore. Il monumento alto 52 metri rafiggura una caravella guidata dall’infante seguito da un corteo di 32 personalità storiche che diedero il loro contributo all’Epoca delle Scoperte . La facciata rivolta verso terraferma ha la forma di una croce decorata con la spada dell’Ordine di Aviz, grande . Segue la la magnifica Torre di Belem, dichiarata patrimonio dell’Unesco è un gioello archiettonico del regno di D. Manuel I che fonde armoniosamente elementi gotici bizantini e manuelini. Simbolo del Portogallo nell’epoca delle Scoperte la torre chiamata anche torre di Betlemme o torre di San Vincenzo è in realtá un bastione di 30 metri con quattro piccole torri. Infine per concludere le visite di questo monumentale quartiere, visiteremo il Monastero dos Jeronimos, Dichiarato Patrimonio Unesco, considerato non solo uno dei capolavori architettonici più belli al mondo ma anche un importante simbolo dell’identità e della cultura portoghese.
Partenza per Sintra per pranzo in ristorante tipico per assaggiare la vera cucina portoghese.
Nel pomeriggio visita del incantevole cittadina medievale di Sintra. Visita al Palazzo Reale distinto per i suoi due immensi camini, esempio unico tra i palazzi reali medievali del Portogallo e simbolo della città.
L’arredamento di grande valore, unisce armoniosamente i diversi stili architettonici e il gusto dei re che vi abbitarono.
È inoltre possibile ripercorrere una breve storia dell’azulejo in Portogallo, dagli esemplari arabo-ispaci portati da D. Manuel fino ai pannelli bianchi e azzurri tipici del XVIII secolo. Cena in hotel e pernottamento.

21 APRILE OBIDOS-ALCOBACA- NAZARE'-BATHALA- FATIMA 
Prima colazione in hotel. Partenza Óbidos, cittadina medievale di rara bellezza , circondata dalle mure ancora intatte. Segue Alcobaça per la visita al Mosteiro de Santa Maria de Alcobaça, un antico monastero di origine medievale che si trova nell’omonima cittadina. La sua bellezza architettonica e il suo valore artistico hanno fatto sì che nel 1989 il monastero fosse dichiarato Patrimoni dell’Umanità dell’UNESCO. Il monastero è uno dei primi monumenti del Portogallo costruiti e appartenenti all’ordine monacale dei cistercensi. È stato fondato nel 1153 da Alfonso I re del Portogallo che, poco prima di morire lo donò a Bernardo di Chiaravalle come riconoscimento per la vittoria sui Mori. Prima di avere un loto convento i monaci cistercensi vivevano in casa di legno e solo quando la costruzione del monastero di Alcobaça fu terminata - all’incirca nel 1223 – le abbandonarono. Il monastero fu costruito in stile gotico-medievale e tutte le stanza rispettano le regole dell’ordine cistercense con linee pulite e poche decorazioni, fatta salve qualche immagine mariana. Contrasta con gli interni del monastero la facciata della chiesa che è un misto di stili e decorazione: la realizzazione originale era barocca a cui si aggiungono il portone romanico, il perimetro esterno presenta la tipica merlatura medievale mentre le torri risalgono al XVIII secolo.
Segue Nazaré per pranzo e visita di questo tipico villaggio di pescatori che ha saputo mantenere le sue tradizioni. Salita in funicolare al promontorio “O Sitio” luogo pieno di reliogisità, dove è nata la cittadina e dove è stato eretta una piccola cappella , uno dei primi santuari mariani della penisola iberica. Da qui potete anche ammirare una vista mozzafiato sulla bellissima baia ed immensa spiaggia.
Segue per Batalha per la visita al Monastero de Santa Maria da Vitória, una perla del gotico dichiarato dall’UNESCO Patrimonio dell’Umanità. Il Monastero di Batalha è conosciuto anche con il nome di “Convento de Santa Maria da Vitória” si trova nei pressi dell’omonima città del Portogallo. È un monastero in stile manuelino che su costruito tra il XIV e il XVI secolo per volontà di Giovanni I come ringraziamento alla Vergine Maria e come simbolo della vittoria contro il re di Castiglia nella battaglia di Aljubarrota che si svolse proprio nei pressi del luogo dove sorge il monastero. I primi monaci si stanziarono nel monastero intorno al 1388. Nel 1983 il complesso monasteriale è stato dichiarato Patrimonio dell'umanità dell’UNESCO per la bellezza della costruzione e l’importanza storica. Alla fine partenza per Fatima per cena pernottamento in hotel.

22 APRILE FATIMA COIMBRA
Prima colazione in hotel e tempo per la visita al Santuario uno dei centri di pellegrinnaggio più conosciuti al mondo. Avendo un sacerdote ad accompagnare il gruppo, volendo si può organizzare una messa privata in una delle cappellina del Santuario. Alla fine partenza per Coimbra la visita di questa città medievale ed un piccolo gioiello incastonato nell’entroterra del nord dove troverete l’anima lusitana più preziosa e autentica, la città dove nacque la dinastia reale portoghese, tanto che in una delle sue chiese più celebri, la Igreja de Santa Cruz, vi sono sepolti i primi due re della storia del paese. Inizieremo con la visita all’Università, una delle più antiche istituzioni universitarie d’Europa, riconosciuta patrimonio mondiale dell’Unesco. Al suo interno troveremmo il Paço Reale e visiteremo la Bibliotecca Joanina, uno splendido palazzo in stile barocco, dai saloni interni eleganti e dai soffitti decorati in legno e in oro, le cui pareti sono interamente ricoperte da scaffali di libri (se ne contano più di 300.000, dal XVI al XVIII secolo). Infine la Cappella di São Miguel, costruita nel 1517, un altro gioiello architettonico in stile barocco, caratterizzata dai meravigliosi azulejos che decorano le pareti della navata e del coro. Seguiremo poi con la visita alla Sé Velha (Cattedrale Vecchia), che rappresenta la più antica e importante testimonianza dell’architettura romanica portoghese. Il suo aspetto massiccio e possente e le sue forme fortemente squadrate fanno somigliare questa chiesa più a un castello fortificato medievale, come questa scelta architettonica ci fa comprendere quanto la minaccia di un probabile assedio da parte dei mori fosse costante. La semplicità esterna è impreziosita dalla Porta Speciosa, un portale monumentale a tre livelli costruito nel XVI secolo. Scendendo per le ripide vie acciotolate, arriveremo al centro storico con le sue ampie piazze edifici e palazzi medievali e rinascimentali, fino ad arrivare alla Piazza del Monastero di Santa Cruz, che comprende anche la Igreja de Santa Cruz, uno dei più antichi edifici della città. In questo monastero sono sepolti i primi due re del Portogallo, rinomato anche perché era la principale sede di studi medievali in Portogallo. Sant’Antonio di Padova, una delle figure religiose più rilevanti della storia e della cultura occidentale, si formò proprio tra le mura di questo convento agostiniano. Al suo interno da notare, il soffitto decorato con azulejos che raffigurano scene della vita di Sant’Agostino, l’organo rosso in stile barocco, il pregiato pulpito scolpito e il rinascimentale Chiostro del Silenzio, risalente al 1517 e caratterizzato da pareti decorate con splendidi pannelli in bassorilievo e azulejos raffiguranti alcune scene della vita di Gesù.  Cena in hotel e pernottamento.

23 APRILE PORTO 
Prima colazione in hotel e paryenza per Porto . Inizieremo la visita di questa città con una passeggiata nella "baixa" (centro città) che vi permetterà di apprezzare l'esterno della Torre dei Chierici (ex libris di Porto) e la biblioteca Lello, considerata la terza più bella del mondo. Segue la via Sta Catterina con i suoi negozi locali fino ad arrivare alla bellissima Chiesa S. Ildefonso, costruita tra il 1709 e il 1739 e che ostenta una bella facciata rivestita di piastrelle che ritraggono scene della vita del Santo e allegorie dell'Eucaristia. Infine, la stazione ferroviaria di São Bento fu costruita all’inizio del 900, su le antiche rovine del monastero benedettino costruito nel XVI secolo e bruciato nel 1783. Questa costruzione notevole, merita una visita all’interno dell’ampio atrio che è stato rivestito da 20milla piastrelle allusive alla storia dei mezzi di trasporto e da grandi pannelli che rappresentano scene della storia del Portogallo. Segue la visita alla Sé Cattedrale, la chiesa cattolica maggiore di Porto e cattedrale diocesi della città . Visiteremo il suo interno con l’altare maggiore di epoca barrocca arricchitto da un magnifico retablo e l’altare della cappella del Santissimo Sacramento. Il Pallazzo Episcopale che appartiene a questo magnifico complesso è testimonio del primo dominio eclisisatico della città. Pranzo in ristorante del tipico quartiere medievale della Ribeira classificato Patrimonio dell'Umanità secondo l'UNESCO e nel pomeriggio seguiremo per la visita alla chiesa S. Francesco, la cui costruzione iniziò nel XIV secolo, è il principale luogo di culto in stile gotico della città ed è stata classificata come monumento nazionale nel 1910. È una delle opere più importanti del Barocco, con un esuberante interno di intarsi dorati, del XVII e XVIII secolo. Anche se la sua costruzione è stata completata nel 1425, la Igreja de São Francisco è stata successivamente arricchita di molteplici elementi barocchi. Conserva oggi il maggior numero ed i più ricchi intarsi dorati del Portogallo. Cena in hotel e pernottamento.

24 APRILE GUIMARAES - BRAGA - SANTIAGO DE COMPOSTELA  
Prima colazione in hotel checkout e partenza per Guimarães, considerata la culla del Portogallo. Visita a piedi nel cuore del centro storico: il Largo da Oliveira e la collegiata di Nossa Senhora da Oliveira, la Praça de São Tiago, la Rua Santa Maria con le sue splendide residenze del XIV e XV secolo. Scoperta dell'esterno del castello eretto da Henri de Bourgogne. Quindi, visita guidata al Palazzo dei Duchi di Braganza, costruito nel XV secolo. Seguiremo poi per Braga per la visita al santuario di Bom Jesus do Monte, circondato da uno splendido parco. Una monumentale scalinata a fisarmonica in granito con oltre 600 gradini punteggiata da sculture e fontane conduce al luogo di culto. Dal santuario di Bom Jesus do Monte parte anche la funicolare del Bom Jesus, la più vecchia al mondo alimentata dalla forza dell’acqua. Segue pranzo in ristorante e breve visita del centro storico di per se in se la principale attrattiva della città. Vi si trovano negozi di arte e prodotti tradizionali, musei e chiese, tra cui naturalmente spicca la Cattedrale, risalente a oltre 1000 anni fa. – essendo la cattedrale più antica del Paese che fonde in modo sontuoso gli stili romani e barocchi. Segue Il palazzo Episcopale di Braga, noto anche come palazzo dell’Arcidiocesi che risale alla prima metà del 1400. Nei secoli si è poi espanso ed è stato modificato, fino a diventare ciò che possiamo ammirare ai giorni d’oggi. Alla fine partenza per Santiago di Compostela dove si arriverà ca. due ore e mezzo dopo. Sistemazione in un Hotel cena e pernottamento.

25 APRILE SANTIAGO DI COMPOSTELA -MUXIA-FINISTERRA 
Prima colazione in hotel. Al mattino partecipazioni alla Messa del Pellegrino nella Cattedrale di Santiago. Pranzo in ristorante. Nel pomeriggio partenza lungo la Costa da Morte dove si vivono atmosfere magiche ed indimenticabili della costa galiziana. I luoghi visitati di questa parte della Galizia sono spettacolari dal punto di vista paesaggistico e naturalistico. La storia di questa parte della Spagna risale a tempi antichissimi ed è scritta nei racconti storici ed archeologici sulle antiche popolazioni celtiche che abitavano questi luoghi. L’origine riscontrabile in fonti storiche di Muxía viene fatta risalire al XII secolo quando dei monaci costruirono il monastero di Moraime. Il Santuario della Vergine della Barca, il più antico santuario della Galizia. Oggi il monastero di Moraime, costruito in stile romanico, è uno dei monumenti storici più importanti della Costa da Morte in Galizia. A Muxía, inoltre, è stato edificato il santuario di Nosa Señora da Barca, il più antico santuario della Galizia ed uno dei più importanti dell’intera regione, collocato e costruito sugli scogli di fronte all’oceano Atlantico che si raggiunge salendo su un promontorio spettacolare e molto scenografico. A seguire visita di Capo Finisterre, il cui nome deriva dall'espressione latina Finis terrae, cioè "confine della terra" in quanto
il capo Fisterra è uno dei punti più occidentali della Spagna. Visitato dai pellegrini che compiono il Cammino di Santiago di Compostela e decidono di prolungare il pellegrinaggio per circa un altro centinaio di chilometri. La tradizione vuole che i pellegrini qui compiano un bagno nell'oceano in segno di purificazione, brucino un indumento indossato durante il cammino stesso e infine raccolgano una delle conchiglie (simbolo che segna il cammino a partire da Roncisvalle) che si trovano su una spiaggia a prova dell'avvenuto pellegrinaggio. Presso il faro è presente il cippo con il "Kilometro zero" del Cammino di Santiago, molto simbolico e molto fotografato da turisti e pellegrini, nonché la croce sul mare dove è usanza lasciare una pietra come ricordo del passaggio. Rientro a Santiago per la cena e pernottamento.

26 APRILE SANTIAGO DE COMPOSTELA ITALIA
Prima colazione in hotel e check-out. Trasferimento all’aeroporto di Santiago in orario utile per il disbrigo delle formalità d’imbarco per partenza per di rientro in Italia.

Date e quote

 

QUOTA INDIVIDUALE DI PARTECIPAZIONE:  in fase di elaborazione
Prezzo a persona in camera doppia:   €
Supplemento singola:   €

Quota di iscrizione:   €

La quota comprende:

  • Pullman GT con aria condizionata
  • Accompagnatore parlante Italiano
  • 6 cene + 1 pranzo in Albergo
  • Visita guidata di Santiago
  • 1/3 L acqua minerale nei pasti
  • Radioguide auricolari

La quota non comprende:

  • Pasti non menzionati
  • Facchinaggio
  • Voli da/per Italia
  • Pacchetto ingressi ai luoghi di interesse da pagare in loco all'accompagnatore: adulti 45 €, bambini 25 €
  • Tutto quanto non indicato in "la quota comprende"

Informazioni di viaggio

DOCUMENTI NECESSARI
Passaporto o carta d'identità valida per l'estero in corso di validità. Assicurazione viaggi. Modello E111 da richiedere alla propria Asl per l'assistenza sanitaria gratuita, per i Cittadini della Comunità Europea (se si è già in possesso del nuovo cartellino sanitario plastificato, è sufficiente portarlo con sè in viaggio in sostituzione del Modello E111). Viaggi all'estero di minori: passaporto/carta d'identità. Ricordiamo che la mancata partenza per documento non in regola comporta la perdita totale della quota.

FUSO ORARIO
1 ora in meno rispetto all'Italia.

CLIMA
Le stagioni migliori per visitare il Portogallo sono la primavera e l'autunno - le temperature sono piacevoli sia in città che nelle campagne, le giornate sono lunghe, soleggiate, calde e poco piovose. L'inverno non è mai molto freddo. Un discorso a parte va fatto per l'Algarve che gode di un microclima godibilissimo per tutto l'anno. Nel nord, che è la parte più montagnosa del Paese, il clima è decisamente atlantico, cioè con abbondanti precipitazioni e con l'influsso dell'oceano. A sud di Lisbona e del Capo da Roca l'effetto della bassa latitudine prende il sopravvento e si accentua l'aridità, conseguenza di scarse piogge.

CUCINA
I piatti a base di pesce di merluzzo sono i più vari e preparati in moltissimi modi diversi, tra i quali la nota zuppa di pesce "caldeirada de peixes" e il "Bacalhau con todos" con verdure cotte miste. Le zuppe a base di legumi - il "grao" a base di ceci, il "caldo de grelos" con legumi verdi, il "caldo verde" a base di patate e cavoli. La cucina si basa sugli ingredienti messi a disposizione dalla terra e dal mare: una cucina molto semplice arricchita però da un certo tocco esotico. Le spezie arrivate dalle Indie, i nuovi ingredienti arrivati dalle Americhe e l'uso di mandorle derivato dall'influenza araba rendono la sua cucina mai monotona. Il classico piatto di carne è il Cozido, bollito misto con verdure e insaccati, il Sarrabulho, a base di polpa e fegato di maiale o di cacciagione marinati nel vino rosso, stufati con verdure e peperoncino e legati, verso fine cottura, con sangue di maiale. Le pasticcerie portoghesi sono spettacolari per la varietà dell'offerta di pasticcini di ogni genere, reminiscenza evidente dell'occupazione araba: gli ovos moles, morbida crema racchiusa in una cialda sottilissima, le quiejadinha, tradizionali tortine di formaggio con mandorle e la frutta candita tra cui le preziose e al quanto rare mandorle fresche condite insieme al loro profumato mallo verde. Ottimi anche i vini: Madeira ed il Porto. Come aperitivo, il Porto bianco ghiacciato, si accompagna il pesce col vino verde della regione del Minho e la carne con vino rosso o tinto della regione el Douro o dell'Alto Alentejo.

MONETA
L'unità valutaria è l'euro.

CARTA DI CREDITO
Diffusa e usata ovunque

SHOPPING
Il Portogallo offre al visitatore una vasta gamma di prodotti artigianali che l'hanno reso famoso in tutto il mondo: il Porto, vino, portato dagli Inglesi 3 secoli fa si possono incontrare svariate marche, spesso con un nome inglese. Molto belli e colorati sono i tappeti di lana fabbricati ad Arraialos: nella regione dell'Alentejo e in tutte le principali città del Portogallo. Gli azulejos, coloratissime mattonelle che decorano spesso chiese e porte, fabbricate ovunque. Quelle decorate riproducono o battute di caccia o scene mitologiche. Una tra le tante città ricche di fabbriche che producono ceramiche di questo tipo si trova a Condeixa-a-Nova, a Sud di Coimbra. Se vorrete poi portarvi come ricordo di questa terra, ovunque si trovano statuette in terracotta che raffigurano il galletto di Barcelos, simbolo del Portogallo. Ovunque si possono inoltre acquistare fini tovaglie ricamate a mano. Le più rinomate vengono prodotte nelle regioni di Viana do Castelo, Castelo Branco e Amarante.

ELETTRICITÀ
220 Volt.

TELEFONO
Per chiamare da Lisbona verso l’Italia, bisogna inserire il nostro prefisso internazionale +39 seguito dal numero fisso (compreso il prefisso con lo 0) o dal cellulare. Per farvi chiamare dall’Italia bisogna comporre lo 00 (prefisso internazionale) poi 351 (Portogallo).

Richiedi un preventivo

Contatti

Via Ricasoli, 9 50122 Firenze

Tel. 055 282042 Fax 055 217643

info@primaveraviaggi.it

Dal 19 Aprile al 26 Aprile viaggio d'Autore  con nostro accompagnatore dall'Italia

 

TOP