Guatemala e Honduras - Dal 21 novembre al 3 Dicembre

Centro e Sud America

Un tour completo ed originale nel variegato mondo del Guatemala, attraverso le città coloniali ed i coloratissimi mercati degli altipiani, per arrivare agli splendidi siti maya di Tikal e Copan.

Programma di viaggio

21 NOVEMBRE: FIRENZE BOLOGNA MADRID CITTA’ DEL GUATEMALA
Partenza da Firenze per Bologna. Imbarco sul volo per Città del Guatemala via Madrid (ore 16,25). Arrivo a Città del Guatemala e trasferimento in hotel. Cena e pernottamento in hotel.

22 NOVEMBRE: GUATEMALA COPAN (5 ore circa)
Prima colazione e partenza lungo la famosa Carretera sino alla deviazione per El Florido. Nelle sue vicinanze si trova il confine per entrare in Honduras. Di là del confine, dopo una decina di chilometri giungiamo a Copàn, “l’ateneo del Mondo Maya”. Questo sito è abitato da prima del X sec. a.C. e vede il massimo splendore dal VII al IX secolo d.C.; Copàn permette certamente di completare la conoscenza del meglio che continua ad esprimere visivamente la cultura maya in tutta l’America Centrale. In particolare riteniamo che la Scalinata dei Geroglifici, oltre ad avere importanza rilevantissima storica e culturale, sia in assoluto tra le opere maya con più fascino. Il tutto è circondato da un’ombrosa foresta che aggiunge interesse alle rovine sparse in una vasta area. Le iscrizioni sulla gradinata, “i glifi”, hanno consentito sostanziosi passi avanti nella comprensione di aspetti storici e della stessa particolare scrittura maya.  Pranzo in corso di escursione. Cena e pernottamento in hotel.

23 NOVEMBRE: COPAN QUIRIGUA LIVINGSTON
Prima colazione. Partenza per Quiriguà, dopo aver lasciato l’Honduras e riattraversato il confine con il Guatemala. Si percorre la Carretera Atlantica tra piantagioni di banane fino a Quiriguà che si ritiene sia stato un centro in grado di mantenere rapporti molto serrati con Copàn. Commerciava attraverso il fiume Motagua pure con altre popolazioni del Centro America. Le steli, gran parte delle quali sono state scolpite nel secolo VIII d.C. sono le più alte che si conoscano nella cultura maya. Gli enormi monoliti in arenaria alti anche oltre 10 metri, assai interessanti, sono resi ancora più apprezzabili dal contesto forestale. In generale veniva usata questo tipo di pietra anche perché estrazione e taglio non erano eccessivamente impegnativi. Inoltre, tale materiale risultava di facile lavorazione e, in più, tendeva ad indurirsi ed offrire maggiore resistenza agli elementi naturali man mano che permaneva esposto all’ossidazione. La visita del sito risulta sempre piacevole perché l’imponenza e anche la grazia dei manufatti sono distribuiti in un’area verde ben curata attorniata e protetta da grandi alberi.  Proseguimento verso la Baia de Amatique fino a Puerto Barrios per prendere le barche che permettono di giungere sino all’ingresso del nostro hotel a Livingston. All’arrivo, dopo la sistemazione nelle camere, possibilità di tempo libero per una passeggiata nel centro abitato. Livingston, raggiungibile solo per vie d’acqua, è un luogo in cui vive una popolazione nera discendente dagli schiavi portati in America provenienti dall’Africa. Parlano idiomi che risultano da un insieme di spagnolo, “garìfuna”, (lingua tradizionale usata anche nel vicinissimo Belize), ed inglese. A tratti pare d’essere sbarcati in un paese caraibico con lo stesso sottofondo musicale, i forti colori delle case, i tetti in lamiera, gli alberi da cocco, l’andamento dinoccolato di alcuni giovani non solo locali che deambulano per le strade … Niente di particolarmente stravolgente, ma il luogo mostra una faccia sorprendente del Guatemala e certi aspetti della vista locale, legata alla pesca e turismo, offrono squarci di una nicchia di mondo che giustifica una breve sosta come la nostra.  Pranzo in corso di escursione. Cena e pernottamento in hotel.

24 NOVEMBRE: LIVINGSTON RIO DULCE FLORES
Prima colazione. Trasferimento in barca. Percorriamo parte del Parco Nacional Rio Dulce verso ovest, in direzione del Lago di Izabal. Lo scenario che fa da contorno è quello tipico della giungla tropicale. Si entra prima nella Gola de la Vaca, oltre la quale il fiume diviene più ampio in corrispondenza di El Golfete. In prossimità del villaggio di Rio Dulce, dopo aver superato il Castillo de San Felipe (da osservare stando in barca), s'incontra la Pista del Petèn giusto all’inizio del Lago di Izabal.   Via terra proseguiamo per Flores. Pranzo in corso di escursione. Cena e pernottamento in hotel

25 NOVEMBRE: FLORES TIKAL
Prima colazione. Partenza per la visita dell’imponente area archeologica di Tikal. Considerata la meraviglia del mondo maya, è situata nell’interno della giungla del Petén, dove i tucani e i pappagalli volano tra la vegetazione, le scimmie urlatrici si dondolano tra gli alberi, e dove i templi sono avvolti dalla fitta foresta. Più di tremila strutture fra templi, altari, piramidi, palazzi, testimonianze di questa antica città fondata nel 600 a.C. in seguito abbandonata e inghiottita dalla foresta. Pranzo in corso di escursione. Cena e pernottamento.

26 NOVEMBRE: FLORES TIKAL VOLO PER GUATEMALA
Prima colazione. Partenza per visita dell’aerea archeologica di Yaxha.  Nel pomeriggio visita dell’isola di Flores. Al termine della visita trasferimento in aeroporto e volo per Città del Guatemala. Trasferimento in hotel a Città del Guatemala. Cena e pernottamento.

27 NOVEMBRE: GUATEMALA IXMCHE SAN ANDRES XECUL SALCAJA QUETZALTENANGO
Prima colazione e partenza per Quetzaltenango e sosta lungo la strada per visitare il sito archeologico di Ixmiche, la chiesa di Santa Adres Xecul e SALCAJA nel comune di Totonicapan. Arrivo cena e pernottamento.

28 NOVEMBRE: QUETZALTENANGO, ZUNIL, ALMOLONGA LAKE ATITLAN
Prima colazione in hotel. Partenza per la visita di Zunil con la sua chiesa tipica ed infine Almolonga, uno dei mercati di frutta e verdura più famosi del Guatemala. Pranzo in corso di escursione. Arrivo al Lago Atitlan. Sistemazione in hotel. Cena e pernottamento.

29 NOVEMBRE: SANTIAGO DE ATITLAN SAN JUAN LA LAGUNA
Prima colazione e partenza per escursione in barca.  La prima sosta è Santiago Atitlan che si trova esattamente dalla parte opposta di Panajachel. Mantiene alcune delle sue caratteristiche tradizionali nonostante la presenza non marginale del turismo. Vi si giunge dopo circa un’ora e mezza di navigazione e per visitarlo occorre salire sino alla cima dell’altura che domina il lago. La passeggiata non è impegnativa anche perché si è accompagnati da immancabili bancarelle e negozi che invitano alla sosta. Si arriva sino alla sommità dove si trovano la piazza principale e la grande chiesa con statue lignee e una storia anche recente legata a fatti avvenuti nel 1981... Proseguimento per la visita del villaggio di San Juan la Laguna per conoscere la comunità Tzuthuhiles e pranzo. Cena e pernottamento in hotel.

30 NOVEMBRE: LAGO ATITLAN CHICHICASTENANGO ANTIGUA
Prima colazione. Partenza per il Mercato e città di Chichicastenango. Il giovedì e la domenica sono i giorni in cui si svolge il mercato più colorato e famoso del Centro America. Tantissimi commercianti arrivano dai villaggi circostanti per montare i banchetti che occupano la vasta piazza delimitata dalle due chiese, tra cui quella più nota in stile coloniale di Santo Tomàs del XVI secolo. L’accesso alla Chiesa di San Tomas per gli stranieri non è quello principale che si apre sulla facciata. Al suo interno si capisce subito di trovarsi in un ambiente con una sacralità e ritualità diverse come mostrano il pavimento cosparso di rami di pino e chicchi di mais, oltre ad offerte che consistono in tradizionali candele, ma anche in bottiglie di alcolici o di Coca Cola. Ricordiamo che è assolutamente vietato fotografare. I custodi della chiesa e i fedeli stanno anche molto attenti all’eventuale uso del cellulare come macchina fotografica. Dalla parte opposta della piazza, in una zona meno congestionata si trova l’altra chiesa detta “Capilla del Calvario”. In alcuni particolari giorni del mese e durante le festività sacre, le “cofradias”, confraternite di fedeli molto importanti nella vita sociale e religiosa locale, sfilano in processione per il centro giungendo sino alla Chiesa San Tomas. Il mercato, uno dei più famosi al mondo, come tutti i luoghi frequentati da tanti turisti non mantiene inalterato il fascino di 40 anni fa, ma rimane pur sempre imperdibile. Le bancarelle dedicate ai turisti vengono sistemate soprattutto nella parte perimetrale della piazza. Al suo centro si svolgono le attività più rivolte agli indigeni. Banchi con mercanzie d'uso quotidiano popolare e piccoli ristoranti occupano l’area sino al tardo pomeriggio. Pranzo in ristorante. Dopo pranzo partenza per Antigua. Sistemazione in hotel. Cena e pernottamento.

01 DICEMBRE: ANTIGUA
Prima colazione e visita della città. Antigua, la vecchia capitale del Guatemala è considerata dall’ UNESCO tra le località degne di appartenere all’elenco mondiale Patrimonio dell’Umanità. Conventi, chiese e palazzi ci mostreranno il variegato accumularsi d'arte coloniale con evidenti contaminazioni locali. Davvero piacevole. Visita al Convento delle Suore Cappuccine e alla Chiesa della Mercede... Strade acciottolate, calessi, residenze d’epoca, angoli elegantemente smussati, finestre decorate protette da inferriate frutto del lavoro accurato di bravi artigiani, il bianco delle pareti, i vulcani che sembrano minacciosamente proteggerla, bar su graziose terrazze in cui concedersi un aperitivo, una passeggiata serale …Tutto ad Antigua richiama sensazioni di vera gradevolezza. Proseguimento per Santiago de Zamora ad una decina di chilometri da Antigua, sede di una comunità di donne tessitrici. Qui incontreremo i membri della cooperativa Ixoki´ aj Quiema´ che ci coinvolgeranno nei loro lavori di artigianato mostrandoci i tessuti locali, i metodi di fabbricazione, l’utilizzo del telaio da cintura. Pranzo al villaggio con possibilità di imparare a cucinare le famose tortillas. Nel pomeriggio coffee tour Finca Bella Vista e visita dei villaggi Santa Maria de Jesus e San Jaun El Obispo. Rientro ad Antigua. Cena e pernottamento. 

02 DICEMBRE: ANTIGUA TRASFERIMENTO IN AEROPORTO CITTA’ DEL GUATEMALA
Prima colazione. Mattina libera per una ultima visita della città di Antigua. In tempo utile trasferimento a Città del Guatemala. Volo di ritorno via Madrid. Pasti e pernottamento a bordo.

03 DICEMBRE: BOLOGNA
Arrivo a Bologna. Trasferimento a Firenze in bus. Fine dei servizi.

Date e quote

Euro 2.690 (min 15 – max 20 pax)
Supplemento singola   Euro 395

Prenotazione entro il 30 giugno

1° acconto Euro 690 (all'iscrizione)
2° acconto Euro 1.000 entro il 31/08
Saldo Euro 1.000 entro il 15/10
(per dipendenti possibilità di rateizzazione in 8 rate da settembre)

Quota iscrizione associazione Cral Inps Firenze Euro 20.00

N.B.: Se si vuole l’assegnazione posti sul volo intercontinentale il costo è di Euro 30 per persona (a tratta), (altrimenti il posto sarà casuale al check-in)

LA QUOTA INCLUDE

  • Volo Intercontinentale Iberia da Bologna
  • Volo interno Flores - Citta’ del Guatemala
  • Tasse aeroportuali
  • Pensione completa dalla cena del 19 Novembre al Pranzo del 29 Novembre
  • Tutte le visite come da programma
  • Ingressi inclusi: Copan solo sito archeologico, Quirigua’, Castillo San Felipe, Tikal solo sito archeologico, Antigua (Cathedral, la Merced, San Francisco)
  • Barca privata per visitare Rio Dulce
  • Barca privata per visitare Panajachel
  • Guida locale in lingua italiana
  • Tasse di ingresso Honduras
  • Polizza base medico bagaglio (spese mediche euro 5000.00)
  • Tasse di ingresso Honduras
  • Tasse volo interno
  • Mance varie (circa euro 60)

LA QUOTA NON INCLUDE

  • Ogni voce non menzionata nelle voci comprese nel pacchetto
  • Assicurazioni facoltative annullamento ed estensione spese mediche
  • Bibite ed acquisti personali

VOLI

  • 21 novembre Bologna Madrid         07:00 09:25
  • 21 novembre Madrid Guatemala     12:00 16:45
  • 02 dicembre Guatemala Madrid      18:00 14:35
  • 03 dicembre Madrid Bologna           16:00 18:15

Informazioni di viaggio

DOCUMENTI E FORMALITÀ DOGANALI
E' necessario il passaporto, con validità residua di almeno sei mesi al momento dell'ingresso nel Paese. Per soggiorni fino a 90 giorni non è necessario il visto di ingresso. All'arrivo nel Paese il turista deve compilare un formulario (forma migratoria FMT) disponibile presso le Autorità locali, i principali aeroporti e le diverse compagnie aeree e una dichiarazione doganale.
Nel caso in cui il volo richieda un transito negli Stati Uniti, è necessario chiedere l'autorizzazione ESTA: nel sito https: //esta. cbp. dhs. gov/ bisogna rispondere a tutte le domande e inviare la richiesta di autorizzazione che va compilata in inglese con i dati anagrafici e del passaporto, le risposte alle domande sull'idoneità e gli estremi della carta di credito. L'autorizzazione ha una validità di due anni o sino alla scadenza del passaporto. Per maggiori informazioni si consiglia di consultare il sito www. cbp. gov/esta.
E' consentito introdurre beni per un valore equivalente a 300 US$ a persona e somme di denaro fino a 10. 000 US$.
Viaggi all'estero di minori: passaporto/carta d'identità

FUSO ORARIO
Ci sono 3 diversi fusi orari. In quasi tutto il Paese lancette indietro di 7 ore, ma per gli Stati della costa occidentale (Sonora, Sinaloa, Nayarit, Baja California Sur) lancette indietro di 8 ore, nella Baja California del Norte lancette indietro di 6 ore. Anche il Messico ha adottato l'ora legale, che inizia tra metà marzo ed i primi giorni di aprile fino alla fine di ottobre/inizi di novembre. Non applica l'ora legale lo stato di Sonora.

CLIMA
Le condizioni climatiche sono molto variabili a seconda della latitudine e dell'altitudine. In linea di massima comunque i mesi meno consigliati sono quelli più caldi dell'estate, da giugno a settembre, quando la temperatura e l'umidità sono più elevate così come il rischio di incappare in violenti temporali e rovinosi uragani, in particolare nel Mar dei Caraibi e nel Golfo del Messico. Decisamente migliori sono i mesi che vanno da ottobre a marzo quando le piogge sono rare, le temperature accettabili e le giornate luminose. Se ci si reca a nord e nella zona dell'altopiano centrale le temperature possono scendere a livelli molto bassi e le notti possono essere fredde.

ABBIGLIAMENTO
Si suggerisce un abbigliamento comodo, pratico ed informale, meglio se di cotone nelle regioni più calde e umide: camicie e t-shirt, pantaloni in cotone, scarpe comode e resistenti. Indispensabile qualche capo più pesante per i mesi più freddi o per le zone ad elevata altitudine. Da non dimenticare anche un impermeabile leggero o una cerata per difendersi dalla pioggia e un cappello per difendersi dal sole.

LINGUA UFFICIALE
Lo spagnolo, ma numerosi sono anche i dialetti amerindi (nahuati, maya, mixteco, otomi, zapoteco). L'inglese è utilizzato nelle grandi zone turistiche e negli hotel.

MONETA
La moneta ufficiale è il Peso messicano (MXN). Conviene munirsi di dollari americani e di piccolo taglio. Le valute straniere sono cambiate nelle banche e negli uffici di cambio, ma il dollaro è accettato più facilmente dell'euro. Le principali carte di credito (Visa, Mastercard, Amex) sono accettate nella maggior parte degli hotel, dei ristoranti e dei negozi nelle località turistiche, ma in alcuni negozi è richiesto il pagamento di un supplemento da 4 a 6%. Le grandi città dispongono di bancomat.

ELETTRICITÀ
La tensione varia da 110 a 135 V in funzione del locale trasformatore, la frequenza è 60 Hz. Prese elettriche di tipo A o B, a lamelle piatte, come negli Stati Uniti. E' necessario l'uso di un trasformatore.

TELEFONO
Per chiamare il Messico dall'Italia, comporre il prefisso internazionale 0052 seguito dal prefisso locale e dal numero di telefono. Per chiamare l'Italia dal Messico il prefisso è lo 0039 seguito dal prefisso locale e dal numero di telefono. La telefonia mobile in Messico dispone di un'ampia copertura in tutto il Paese, ma funzionano solo i cellulari TriBand. Prima della partenza è importante consultare il proprio servizio di telefonia per il servizio di roaming.
Esistono anche le schede telefoniche per chiamate di lunga distanza prepagate, acquistabili presso i giornalai, convenienti per le chiamate internazionali. Per poterle utilizzare è necessario un telefono privato o un cellulare, componendo un numero di accesso e seguendo le istruzioni date.

CONDIZIONI SANITARIE
Nessuna vaccinazione obbligatoria. Si consiglia di evitare di bere acqua dal rubinetto e bevande non in bottiglia, di utilizzare ghiaccio, di usare cibi in vendita lungo le strade e di consumare carne solo se ben cotta. Maggiori informazioni possono essere reperite presso la propria ASL o consultando il sito www.ministerosalute.it

Richiedi un preventivo

Contatti

Via Ricasoli, 9 50122 Firenze

Tel. 055 282042 Fax 055 217643

primaveraviaggi.com

Periodo

Novembre

 

 

Tour con accompagnatore Cral Inps Firenze

 

TOP